Pasta alla norma

Pasta alla norma

Pasta alla Norma è un piatto rinomato e conosciuto ovunque. Deve la sua fortuna all’azzeccato connubio di sapori capaci di radunare nel piatto il sapore dell’estate.

ingredienti-2

Oggi si celebra la Giornata Nazionale Pasta alla Norma (Morte di V. Bellini) evento promosso da Aifb. L’ambasciatrice di oggi è Antonella Marconi di Sapori in concerto.

Banner Calendario

La sua fama parte dal compositore catanese Vincenzo Bellini, uno dei massimi esponenti del melodramma italiano. Nel 1831 scrisse la sua opera più famosa, Norma.

Pino Correnti, nel suo il libro d’oro della cucina e dei vini di Sicilia, racconta come fosse diffusa a Catania l’espressione “pari ‘na Norma”, cioè “sembra una Norma”, per complimentarsi dinanzi a una cosa così magnifica da poter essere paragonata all’arte di Bellini.

pasta-alla-norma-verticale

Ma quando questo paragone è stato dedicato alla popolare pasta? La circostanza ricostruita da Correnti è divertente: un giorno dell’autunno del 1920, in casa di parenti dell’attore comico Angelo Musco si svolse un pranzo al quale parteciparono giornalisti e gente di spettacolo. Tra le pietanze c’era la pasta con la salsa di pomodoro, melanzane fritte e ricotta salata, preparata dalla signora Saridda D’Urso, moglie di Janu Pandolfini, uno dei nipoti di Angelo Musco.

“Signura, chiesta è ‘na vera Norma”, fu il complimento rivolto da uno degli ospiti, il poeta e commediografo Nino Martoglio. A lui andrebbe il merito di aver battezzato “alla Norma” l’appetitosa pasta.

PASTA ALLA NORMA

Ingredienti (per 4 persone):

  • 320 g di rigatoni (o maccheroni)
  • 1.2 kg di pomodori da salsa
  • 2 melanzane tonde viola
  • 1 lt di olio di semi di girasole
  • 2 spicchi d’aglio
  • un ciuffetto di basilico
  • 200 g di ricotta salata
  • olio extravergine d’oliva
  • sale

Preparazione:

  1. Scottare i pomodori per due minuti, farli intiepidire e sbucciarli. Spezzettarli e cuocerli in una padella con 4 cucchiai di olio extravergine e l’aglio soffritto. Mi raccomando al fuoco basso. Ci vorranno circa 45 minuti. Passato il tempo necessario, spegnere e insaporire con il basilico.
  2. Pelare le melanzane, tagliarle a fette sottili e friggerle nell’olio. Tamponarle con la carta assorbente e tenerle da parte.
  3. Nel frattempo cuocere la pasta al dente, scolarla, metterla nella salsa di pomodoro e mescolate.
  4. Impiattate la pasta alla norma aggiungendo le fette di melanzane, un’abbondante grattugiata di ricotta salata e qualche foglia di basilico.

pasta-alla-norma-verticale-2

Riferimenti:

Ricette Vegetariane d’Italia, Slow Food Editore

Commenti (4)

  1. Grazie per aver partecipato. Piatto “semplice”, con contrasti di consistenze, sapori e profumi. Presentazione classica, come doveva essere, senza interpretazioni strane o azzardate. Bel connubio cucina-musica questa Norma. Complimenti

    1. Grazie a te per aver ambasciato questa giornata!!

      Rispondi
      Enrica - 23/09/2016
  2. Belle foto e bellissimo articolo … come sempre ” Bravissima !” .

    1. Sei buonissima cara! Grazie mille!!

      Rispondi
      Enrica - 23/09/2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *